Studio prospettico sull'utilizzo di reti leggere in prolipropilene con tecnica tension-free sutureless

Materiali e metodi

Questo studio include 235 pazienti maschi di età compresa tra i 33 e gli 84 anni (media di età 56 anni), BMI<28, ASA I-II, affetti da ernia inguinale diretta o obliqua esterna (tipo I o II sec. Classif. EHS) operati in un periodo compreso tra giugno 2007 e dicembre 2011 con la tecnica tension-free sutureless secondo Trabucco in anestesia locale e blocco periferico, utilizzando reti leggere in polipropilene fissate unicamente con colla biologica di fibrina nebulizzata e diluizione 1/100 della componente di trombina umana (5u. x ml). Durante questo periodo lo studio è stato completato con una analisi comparativa verso la stessa metodica sutureless che ha previsto l’uso di reti in polipropilene di peso standard utilizzate per il medesimo numero di pazienti.

Risultati

L’efficacia ripartiva è dimostrata da percentuali di guarigione superiori al 98% a un anno, sovrapponibili alla “Trabucco” con reti classiche posizionate senza sutura. L’uso di reti leggere macroporose per una migliore colonizzazione da parte dei tessuti ed i collanti necessari per evitare la dislocazione protesica e utilizzabili in alternativa ai punti di sutura previsti nelle tecniche non sutureless quali la Lichtenstein consentono una riduzione delle complicanze. Con questi presidi, le infezioni e gli ematomi sono passati dallo 0.3% allo 0.2%. I sieromi, il cui riscontro iniziale è risultato in incremento per effetto dell’eccessiva quantità o dell’errata distribuzione della colla, sono scesi dal 12% al 8%. Il dolore cronico (valutato secondo la scala di VAS con un follow-up da 30 fino a 365 giorni), data l’accurata identificazione dei nervi e l’assenza della sutura, è risultato analogo in entrambi i gruppi intorno allo 0.2%.

Conclusioni

La colla biologica è un materiale non inerte con azione adesiva, emostatica e biostimolante i processi cicatriziali e rigenerativi. Consente una fissazione atraumatica della protesi e una riduzione dello spazio morto. Il minimalismo protesico con reti light a grammatura inferiore, più morbide, dotate di una resistenza tensile più fisiologica e trama più rarefatta, che permette una migliore distribuzione del collante, con una risposta infiammatoria più contenuta, si traduce in ultima analisi in un maggiore confort, nell’assenza della percezione della protesi stessa, e nella possibilità quindi di personalizzare la cura in particolari pazienti quali i giovani, i soggetti magri e gli sportivi

 

 

Autori: T. Lubrano, G. Balbo, R. Reddavid, D. Cianflocca, C. Mazza e S. Sandrucci
Istituzione: SCDU Chirurgia Oncologica, Ospedale San Giovanni Battista di Torino

Ultimi articoli dal nostro BLOG

Pubalgia: il disturbo negli sportivi. Possibili rimedi

Pubalgia: il disturbo negli sportivi. Possibili rimedi

Viene indicata dai medici col nome di "pubic inguinal pain syndrome", nota anche con l'acronimo di "Pips", o come "sportsman's hernia", ma è più comunemente conosciuta col termine di pubalgia così chiamata dai non addetti ai lavori. La cosidetta ernia dello sportivo è una entità inficiante di origine complessa con scarsa tendenza a risolversi spontaneamente nella quale vari fattori possono esserne responsabili agendo da soli o in combinazione tra loro.
Leggi articolo...

Ernia e Alimentazione: un binomio dimostrato

Ernia e Alimentazione: un binomio dimostrato

I deficit nutrizionali, l'alterato apporto calorico sia per carenza che per eccesso di cibo, la scarsa qualità degli alimenti sono determinanti nello sviluppo di un'ernia della parete addominale. Una dieta scorretta come l'assunzione di cibi troppo raffinati, prodotti a base di farine bianche notoriamente povere di fibre, sali minerali, vitamine, l'eccessiva introduzione di zuccheri sono un esempio negativo in tal senso.
Leggi articolo...

L'esperto Risponde

L'esperto Risponde

In questo articolo abbiamo inserito tutte le principali informazioni, falsi miti e semplici curiosità legate all'ernia.
Leggi articolo...

Ernia Inguinale, Crurale e Ombelicale

Siamo anche su Amazon!
Lo sviluppo dei nuovi materiali biocompatibili, l’utilizzo di dispositivi sofisticati, la diffusione dell’anestesia locale nella cura, la gestione chirurgica della parete addominale anche in ambito ambulatoriale, rappresentano punti di forza il cui obiettivo è rivolto soprattutto al miglioramento del confort operatorio oltre che all’efficacia terapeutica. La qualità della vita dei pazienti, il totale recupero funzionale in particolare dei giovani, dei soggetti dinamici, delle persone sportive, oggi costituisce la mission per il chirurgo dedicato a questa patologia. 

ACQUISTA ORA